Loading...
Home 2020-02-23T13:10:33+00:00

Chi sono

Mi chiamo Debora Alberti, trent’anni passati da qualche anno, mi trovo qui a scrivere grazie a tasti di un computer, mentre sparsi su fogli bianchi ho iniziato a appuntare versi dall’età di diciassette anni.
Avevo dei sogni molto ben concreti ma la vita è un viaggio continuamente imprevedibile e così mi sono trovata a percorrere un cammino diverso, dedicarmi alla casa e alla famiglia.
La passione per le parole non ha mai subito variazioni, anzi sono state proprio esse ad aiutarmi spesso, proprio come è successo alla protagonista del mio primo libro “Tra due nastri di raso viola”.
Sara.
Non ho mai pensato fosse la mia incarnazione disegnata con i versi, anche se mentre mi dedicavo alla stesura della sua storia, ho inserito alcuni episodi che riguardavano la mia vita e di chi mi circonda, sfruttando una mia caratteristica: la curiosità.
Non sono mai invadente, sono solo parecchio affascinata dalle esperienze e situazioni delle altre persone e mi piace scoprirle per poi inciderle e appuntarle in altro modo nei miei scritti.
Anche per questo le 200 pagine del mio romanzo, sono state e sono tuttora per me, una grande sorpresa e soddisfazione, come un riscatto.

E grazie a Sara, la mia protagonista, ho anche imparato a guardare con occhi diversi il mondo che mi circonda, soprattutto a non avere paura di ciò che sono.
Non è un romanzo d’amore, vengono affrontati con delicatezza diversi aspetti dell’esistenza, spesso anche duri, ma non ho mai calcato la mano, finendo con lo stendere un velo di pietà sui personaggi, anzi, ho dato loro vita cercando di non allontanarli mai da quel pizzico di ingenuità, sebbene gli anni fossero trascorsi.
Vorrei che questo messaggio fosse la vera scoperta del mio romanzo da parte del lettore, perché è ciò che ho tenuto presente nella sua stesura, ricordandomi della mia adolescenza, di quell’invidiabile leggerezza di cui spesso, noi tutti ci dimentichiamo.
Di quegli appunti che magari in molti avremmo voluto prendere e così, pochi mesi fa, ho deciso di raccogliere in un nuovo testo, alcuni dei pensieri che mi hanno caratterizzata, sono stati la mia crescita, una sorta di serie di appunti per descrivere la mia anima, il mio stato d’animo, i dolori e le ansie, le paranoie, gli inferni, ma anche le gioie e i ricordi di persone che ho potuto vivere.
E’ nato così “Incenso”, raccolta di testi dal 2003 al presente.
Un libro che può essere attraversato anche aprendo una pagina a caso, perché le parole sono sempre una salvezza e non c’è sempre bisogno di seguire una linea logica per coglierne il significato.

Il Blog

PENSIERI & SCRITTURE

Cobalto

Sono seduta davanti al computer e sento un profumo. Io che non amo le fragranze se non solo quelle di pelle, di colpo mi sono dovuta fermare. Cosa

Stupido!

Ascolto la canzone che mi hai dedicato ieri e mi tremano le mani. E so che ti arrabbierai ma mi ero scordata di farlo, in preda alle mie

Ballando

Cosa ne sa la gente che sto ballando per casa a quest’ora? I fianchi che morbidi si incantano allo scoppiare di queste note. Il violoncello che inerpica sulla

TUTTI GLI ARTICOLI DEL BLOG

Le Storie

Lentezza

La calma e la lentezza delle vacanze. Una sosta meritata dallo stress della routine ed il calcolo di tutti i momenti persi durante l'anno che ora cerco di

TUTTE LE STORIE

Incenso

IL LIBRO
Tra due nastri di raso viola
Il Mio Libro

Tra due nastri di raso viola

IL LIBRO
Lei odia le attese che come le sorprese la rendono nervosa.
Questo il biglietto da visita di Sara.
Ventisette anni, tenace e decisa, a fine 2014, decide di rileggere una parte di sé, quella messa per iscritto su pagine di diario, rilegato con raso viola. Inizia dalle vicende dolorose della sua infanzia, passando per le gioie del primo amore e incanalandosi nei fatti della vita, arrivando anche all’incontro con Simone, il dottore dall’animo colorato che le farà di nuovo assaporare il gusto dell’amore.
Rivive lentamente un passato che con stupore, solo pochi mesi prima era ritornato a bussare dopo la telefonata di Michele, il suo ex compagno, con cui ha condiviso la parte di vita più difficile. Lui che ha deciso di inseguire un sogno lasciando una vita che l’avrebbe reso solo più stabile.
Legge e ricorda Sara, come se dovesse finalmente mettere un sigillo al passato che spesso è tornato a farle visita, trovandosi, mentre la notte scivola via e addosso ha ancora il profumo di un Natale unico dopo anni, a scrivere l’ultima pagina del suo diario, ringraziando suo padre, colui che forse ha sempre saputo tutto.
“Le protagoniste dei romance” (un’introduzione al libro)
Tra due nastri di raso viola
Facebook
Amazon
Il Mio Libro

Le mie foto

VITA QUOTIDIANA
GUARDA

Contattami