Sento calma

Fuori inizia ad albeggiare, il fresco del mattino.

Le note nelle orecchie e scivolano fino a dentro al petto, a calmare l’inquietudine lasciata da una notte troppo concreta.

Piego il collo, accoglie dei baci immaginari.

Piego la vita che non si spezza neppure ora che mi vuole rimettere alla prova e io gli faccio lo sgambetto come quando in quegli anni che ho denominato i migliori, tu mi prendevi sotto braccio e mentre tornavamo a casa, scherzavi. 

I tuoi amici felice così, non ti vedevano da anni.

Cosa siamo?

Tu diventato un ricordo, io tornata a casa anche se non ne ho mai avuta una, mi sono sempre sentita al posto giusto quando arrivavano le parole e allora ne avevo così tante per te, eri solletico, mentre mi hai insegnato a vivere.

Poi ho smesso, di imparare, a mie spese, avevo una dura prova da superare e a volte non ce la faccio ancora.

Sposto i capelli dalla spalla, la clavicola ha voglia di carezze.

Penso all’altrove, a dove vorrei essere, al centro del tutto mentre mi basterebbe un niente, aspettando di vedere il mare che per la prima volta non ha nulla da restituirmi o lo credo io.

Quel mare che in quei giorni era incazzato quanto me.

Le notti che finivano presto lungo quelle lenzuola bianche e mi trovavo a scrivere di me a chi voleva fotografare la mia pelle di luna ed io avevo paura di non tornare più.

Da pochi mesi sapevo la verità e mi sentivo una sconosciuta dal viso conosciuto.

Avevo ancora i capelli lunghi che quest’anno sono tornati a toccarmi le spalle.

Sogno il vento come allora e le onde che bianche sbattono contro il mio domani regalandomi un sogno che ora provo solo a scrivere.

Questa musica è linfa, mi scivola dentro come liquido caldo e carezza i miei tagli, li risana. Calma, sento calma. Anche se il mio corpo ha dolore.

Come si può dire agli altri quello che non provano neppure a capire?

Quante frasi di circostanza che io ho smesso di volere.

Non ho mai cercato parole a caso, io che ho sempre cercato di preservarle e ho anche deciso di andarmene per sempre pur di sprecarle.

Ero timida da piccola e grande osservatrice, parlavo poco, parlo poco, guardo, vedo i movimenti, colgo, li faccio miei e li riporto a galla nei miei scritti.

Ho solo una cosa e non posso permettere che me la portino via.

Si chiama anima.

(Grazie a chi questa notte mentre io sognavo di raccontare dei miei libri, ha voluto regalarmi questa musica “Willow & Jahnavi Harrison – Surrender (Krishna Keshava”)

INDIETRO

Cosa ne pensi?

PARLIAMONE SU TWITTER
SCRIVIMI
2020-06-23T06:20:46+00:00